sabato 18 novembre 2017

Il 433 che farebbe grande l'Italia

Partiamo subito dal metterli in campo.


                                                          Perin
             Darmian          Bonucci                       Rugani          Emerson (Florenzi)
                                                        Jorginho (Diawara)
                                 Bonaventura                     Verratti (Pellegrini)
                   Berardi (Bernardeschi)                                                      Insigne
                                                       Balotelli (Belotti, Immobile)
(433)


Nb:
- Balotelli solo se si allenerà come e più degli altri e manterrà un atteggiamento umile e non da star mettendosi al servizio anche del magazziniere, in altre parole professionale. Sappiamo bene che ancora oggi è potenzialmente il più forte attaccante di cui disponiamo.
- I centrocampisti centrali sono bassi ergo dovrebbero giocare palla velocemente e muoversi  molto.
- Pressing e movimenti senza palla da parte di tutti.
- Svegliatevi a  convocare Diawara.
- Il modello cui ispirarsi è Sarri (anche se con alcune differenze).
- L'inserimento di Florenzi è utile nel caso in cui serva fare gol e quello di Bernardeschi nel caso cercassimo l'incrocio con Bonaventura (una sorta di pseudo-rombo).
In porta ricordo Donnarumma.
Per la difesa ricordo: Romagnoli e Caldara. 
Per il centrocampo Marchisio, Barella, Benassi, Gagliardini e Baselli.
Per l'attacco ricordo Chiesa e Verdi.

La scelta di Emerson Palmieri risiede nel fatto che con Darmian e Jorginho garantiscono buona copertura a Bonucci e Rugani. La criticità sta in effetti nel fatto che nessuno tra Bonucci, Caldara, Rugani e Romagnoli ha il contrasto alla Chiellini, sono tutti "attendisti" nel modo di porsi tra la porta e l'avversario.
A centrocampo Jorginho (o Diawara) svolgono il ruolo di regista ma sono coadiuvati dal palleggiatore Bonaventura che inoltre rappresenta anche colui che si inserisce (dei tre della mediana) da dietro le linee.. Verratti invece serve per dare qualità alla manovra, per ripulire il gioco e fornire imprevedibilità.
I piedi invertiti di Berardi e Insigne rendono importanti le sovrapposizioni dei terzini e i triangoli con il centravanti centrale.



Se proprio non accettassi nemmeno io (di Camaiore originario) consiglio Di Biagio che è magistrale nel gestire anche le nazionali Under... oppure...la Nazionale potrebbe virare sul viareggino Lippi...
(il migliore di sempre)!
 ps:
Diffidare dei vari Cannavaro (sic!), Mancini (stra sic!), Guidolin...

1 commento:

  1. Altrimenti...mettiamoci Berlusconi!
    Sarebbe sicuramente un grande selezionatore!

    RispondiElimina