domenica 30 aprile 2017

Rivedere le norme per gli "alloggi popolari beffa": gli stranieri spesso hanno casa di proprietà!

Il PD alla ricerca spasmodica di introdurre in Città il Pensiero Dominante "colpevolista"...

...ma intanto  nel "Belpaese" gli stranieri possidenti beni immobili ottengono alloggi popolari. Urge la "Norma Cascina"!


Che Matteo Renzi attuasse una macelleria sociale una volta al potere era cosa risaputa perfino dal 2012.
La strada intrapresa sarebbe stata una sola: colpire i diritti sociali mimetizzandosi come "sinistra" attraverso l'erogazione di qualche diritto di altro tipo (es. i civili) e soprattutto attraverso la retorica sui "clandestini" definiti poi nel tempo "immigrati", poi trasformati in "migranti"dalla Boldrini ed infine modificati "perbenesticamente" (gioco di parole) "in richiedenti asilo".
(Una delle tecniche basilari del Marketing è "cambiare nome alle cose" per farle sembrare nuove.
Lo sa bene Alfano: una volta che il suo "Nuovo Centro Destra" si è ritrovato bollito ed alla velocità del suono lo ha chiamato "Alleanza Popolare": nei sondaggi qualcosa ha recuperato, moltissimo per i suoi standard, lo 0.1%).

Il Pensiero Dominante (che da qui in poi chiameremo "PD") è uno dei modi principali per soggiogare una civiltà e richiama sempre intuitivamente ai dettami del "colonizzatore" (o dittatore a seconda dei casi) per farlo sentire sempre presente, soverchiante.
Colonizzatore che poi completa l'opera sostituendo la lingua, le tradizioni, i valori (e la...moneta...), riscrivendo la storia ecc.
Il Pensiero Dominante (PD) agisce come con delle "impronte"Queste impronte sono quasi sempre subliminali.

Il potere inizia a far capire che se lo colpisci ti scontri con un muro di gomma, non reagisce in modo rigido ma elastico (e silenzioso). Successivamente di imperio attua le sue scelte.

Lo sgomento cittadino poi diviene accettazione e l'accettazione diventa "timore di opporsi", timore di essere etichettati. Alla fine nessuno ne parla più.
(Nei tempi antichi il sistema di azione del "PD" era diverso; in modo primitivo, avveniva la distruzione delle statue degli Dei locali che venivano sostituite con figure di generali o di imperatori della nuova Dominazione).

Renzi ce lo ha insegnato. Alcuni Sindaci hanno imparato in fretta.

Una delle tecniche iniziali per inculcare un nuovo pensiero dominante è passare dal rango degli ideali ad un rango più basso fingendo che i due aspetti siano la stessa cosa.

Chi di noi non vorrebbe "dare una mano" a un profugo? Tutti credo.
Ecco però che il valore della accoglienza, della sussidiarietà per noi italiani (e camaioresi) così importante, viene modificato in azioni legislative che, a ben vedere, impediscono che vengano sbrigate le pratiche per cambiare le prospettive di vita ai veri perseguitati politici.

Mi chiedo ad esempio cosa c'entri la forzatura del Consigliere Straniero con la giustizia sociale ad esempio? Niente.
E con la Democrazia cosa c'entra dato che lo vuole solo il Sindaco e il suo "reame"?
Niente.
E' solo un braccio di ferro.
E' solo "PD".

Mi domando invece perché in 5 anni di PD (in questo caso il Partito) non abbiano pensato a rendere effettivo quel dispositivo, individuato recentemente ed applicato dal Sindaco di Cascina, secondo cui lo straniero possa accedere alla richiesta per gli alloggi popolari a patto che nel paese di origine non possieda beni immobili (case, ville ecc).

Ragazzi guardate che apparirà strano ma gli italiani, nelle graduatorie di Cascina, hanno scalato molte posizioni!
Significa che era presente una grave stortura, una ingiustizia.

La mia prima proposta a costo 0 nei primi 100 giorni di mandato, se sarò eletto Consigliere nella Lista "Insieme per Crescere" (d'appoggio a Giampaolo Bertola) sarà proprio questa.
"Il Modello Cascina per gli alloggi popolari". Forse perché io una casa l'ho sempre avuta e riconosco essere una grande fortuna.

Solo rispettando i camaioresi si potrà anche trovare il modo di aiutare i veri perseguitati e perfino valorizzarli organizzando incontri culturali, storici, mostre ecc.
Solo operando per il bene dei camaioresi (con una grande opera come il Pontile per ogni frazione come promesso da Bertola stesso) e non soggiogandoli, scavalcandoli, Camaiore potrà essere una OASI in mezzo alla DESERTIFICAZIONE DELLA CRISI ECONOMICA.

Saluti,
Marco Giannini.





Nessun commento:

Posta un commento