domenica 1 giugno 2014

Il Ministro Padoan dichiara: Sono a favore dell'aumento dell'età pensionabile.

I piduini imbarazzati minimizzano ma...

...la finanza creativa in salsa troika di Matteo Renzi e del Conte Padoan è la solita di sempre. Sacrifici per rispettare il pareggio di bilancio. 

Mentre Don Matteo Renzi dice che vuole un'Italia "cool" e "smart" che porti i giovani a emigrare per poi tornare (ah sì?) quando magari hanno un lavoro all'estero, il ministro troika Padoan (ex pci) fa ciò che ci si aspettava, mostra all'italiano lo stampo del partito democratico delle banche.
Come denuncio da mesi i target sono le risorse, umane (e non).
Finita l'ubriacatura elettorale dentro la spledida e odorosa confezione c'è un bel mattone. Una bella mattonata in pieno volto.
Renzi è abilissimo, complici i media (Fatto Quotidiano compreso) a indorare la pillola e a dissimulare in modo accattivante, seminando il solito ottimismo convincente di facciata. Quando si parla di lui pare che qualsiasi cosa faccia la trasformi in oro (senza mai che scenda nello specifico).. quando si parla del M5S, unica opposizione, il dissenso viene trasformato in "M5S spaccato" (ma come non avete detto per mesi che era un partito di dittatori?).
L'elettore e i suoi beniamini in parlamento minimizzano le dichiarazioni di Padoan appurabili sul sito della Annunziata (PD): http://www.huffingtonpost.it/2014/05/31/pensioni-pier-carlo-padoan-graduale-aumento-delleta-pensionabile_n_5423967.html?utm_hp_ref=italy .
Le dichiarazioni rassicuranti (?) dei piduini, sulle intenzioni di Padoan, mi ricordano qualcosa di già visto: diceva il Conte Vlad (in effetti Padoan ha del succhiasangue) al contadino "non ti preoccupare, non ti farò nulla" mentre finiva di affinare la punta.....
Come una Cassandra sono mesi che dico:
I target del Renzi saranno:
1) Fare riforme populiste (che portano voti) copiandole dal M5S per togliergli l'immagine del "nuovo".Ma quali tutte?No!Solo le seguenti (Punto "a" e "b").
a) Fare riforme populiste per sembrare nuovo che non comportino spesa. (Immigrazione, diritti civili ecc).
b) Fare riforme populiste anche giuste che comportino riduzione di spesa (non finalizzata però alla redistribuzione sulla cittadinanza quanto al pareggio di bilancio = soldi destinate alle banche speculatrici senza intervenire sulla speculazione a monte.) possibilmente diminuendo il tasso di democrazia e di democrazia diretta. Ad esempio la riforma dei tetti ai megamanager e la riforma del Senato. (Mi sono già espresso sul come togliere una camera sia un enorme favore alle banche, in quanto, questi faranno riforme antisociali in modo rapido senza che la gente ne sappia nulla. Con due camere ci sono 3 mesi di tempo in cui i media informano sul da farsi e l'opinione pubblica può bloccare riforme antipopolari manifestando contrarietà e minacciando la perdita del consenso. Dimezzare i parlamentari mantenendo le due camere avrebbe mantenuto il  tasso di democrazia e permesso di risparmiare di più).
2) Ritocco verso il basso dei diritti dei pensionati futuri.
3) Ritocco verso il basso dei diritti dei lavoratori nelle PA.
4) Precarizzazione dei lavoratori (jobs act), in particolare nel settore privato, portando il periodo di prova (ammazza che periodo di prova!!!) sopra i 15 dipendenti da 12 mesi a ben 3 anni.Il tutto a vantaggio delle multinazionali. Ciò è anche l'anticamera dei minijob (deflazione salariale) e delle svendite di patrimonio.
5) Svendita (con la S davanti) asset industriali strategici.
6) Svendita patrimonio naturale e culturale.
7) Promozione dell'emigrazione.
8) Tagli ma non investimenti consistenti sulle risorse umane (concorsi nei settori produttivi).
9) Investimenti nelle lobbies (ad esempio nel cemento) e non in opere naturali che comporterebbero arricchimento "local" e benessere (a cui consegue la richiesta di maggiori diritti).
Adesso Matteo Renzi non è più un nominato, de facto ha il consenso popolare a conferma del fatto che quanto diceva il M5S (e Renzi negava) le europee avevano una valenza fortemente politica.
Si prevedono tempi duri.
(Marco).


Nessun commento:

Posta un commento