sabato 11 gennaio 2014

Il job act? Una bomba! (A orologeria)..Modello scandinavo del m5s, flexsecurity e le fòle del fiorentino su:Reddito minimo, multinazionali e art.18.

Un pò di chiarezza contro le chiacchiere.

Il reddito minimo garantito c'è in tutta Europa tranne Italia e Grecia. (Ormai si sa e la cosa è indice di qualcosa da non sottovalutare. Sono paesi dove vige la disuguaglianza e cioè dove è carente la domanda aggregata cioè la redistribuzione, cioè la capacità distribuita di spendere, cioè molte persone hanno timore a spendere sapendo che se perdono lavoro sono privi di una sicurezza. Tutto questo provoca anche mobilità sociale = 0. Nasci povero?Muori tale.Oggi questo significa genocidio).

Si dice "reddito minimo" perchè personale (cioè conta la persona, non la famiglia) e indica che se tu guadagni meno di una certa soglia o non hai proprio un reddito mensile (hai perso il lavoro o non lo hai mai trovato), allora tu devi raggiungere quella soglia attraverso contributo statale (pubblico).
Ovviamente il m5s sta studiando un reddito d'avanguardia mettendo dei tetti per chi ha famiglie facoltose (non ha molto senso darlo al figlio di Agnelli o al figlio di una coppia di avvocati affermati) e collegandolo al salario minimo orario (chi ti offre un lavoro deve dare almeno 9 euro l'ora) per evitare sfruttamento e mini jobs.

[NB: In Germania anche se non accetti il lavoro ti danno circa 400 euro al mese. Pensavano in questo modo di alzare i salari medi nominali (in realtà sapevano come andava a finire). Questo perchè chi ti offre un lavoro, in teoria, ti dà 500 o 600 euro sapendo che a 400 non accetti ricevendo già questa cifra per legge, senza lavorare. Purtroppo i tedeschi, quando "il mercato" ha creato i minijobs da meno di 600 euro, son finiti per esser una massa di "working poors", cioè gente che lavora ma è povera. Sono il paese che nel mondo ha abbattuto più pesantemente la quota salari negli ultimi anni e cioè: ciò che produce il lavoratore va alla ditta e a lui molto, molto poco. Il benessere tedesco resiste grazie all'export].

Anche se il reddito minimo di Grillo e di noi m5s si chiama "reddito minimo di cittadinanza" è un reddito minimo garantito. Lo chiamiamo "di cittadinanza" per far capire che l'intenzione è darlo solo ai cittadini e non ai semplici residenti (Altra differenza coi tedeschi: loro lo danno ai residenti).
Il reddito da cittadinanza consisterebbe nel dare soldi a tutti i cittadini anche se megaricchi. Esiste, se non erro, solo in Alaska. Non ha niente a che vedere col nostro.

Ciò che divide PER DEFINIZIONE, il precariato dalla flessibilità è la presenza o meno del reddito minimo garantito. 
Il reddito minimo, si dice "garantito" perchè ti copre in ogni istante della tua vita dalla maggiore età (o presso essa) in poi. Tu hai diritto a vivere e consumare. Questo sia se tu perdi il lavoro, sia che tu non ce l'abbia o non lo trovi. PER QUESTO ALL'ESTERO ESCONO DI CASA A 18 ANNI E ACCETTANO ANCHE UNA VITA SENZA POSTO FISSO PASSANDO DA UN LAVORO ALL'ALTRO. ECCOLA LA FLEX SECURITY!

Se al suo posto non c'è niente o se c'è solo un sussidio a tempo allora siamo nel precariato totale. Questo è un dato di fatto. O andate all'estero e chiedete o studiate i giuslavoristi. (Consiglio Bronzini o il vero "libro bianco del lavoro di Marco Biagi" che prevedeva il reddito minimo garantito...al contrario della "legge Biagi" di Berlusconi, chiamata così a sproposito).
Quindi il sussidio a termine del job act è PRECARIATO. ALTRO PRECARIATO da vomitare sugli italiani SUL MODELLO USA (NEOLIBERISTA).
Tanto per divenire la fogna d'Europa del diritto del lavoro.

Il sussidio di Renzi non è un reddito minimo garantito perchè il sussidio è solo a tempo e si dà solo a chi perde lavoro. Quindi "chiacchierella" perchè offendi l'intelligenza e la cultura degli italiani?

[NB: Cosa è questo job act? Oltre a essere la ricetta di Silvio 1994, licenziamenti facili, svendita patrimonio (asset) alle banche, tagli ai servizi anche indispensabili, è un megaregalo a banche e corporation internazionali.
Non stupiamoci poi se ci scambieranno per la fogna d'Europa dei diritti e le multinazionali verranno a imprendere qua portando i profitti via e con essi il benessere. Se tu riservi l' art. 18 solo a chi lavora da oltre 3 anni tu, fino al secondo anno e 11 mesi e 29 giorni, puoi esser cacciato. Monetizzato. Le multinazionali sono infastidite dall'art.18 proprio perchè riservato a chi ha più di 15 dipendenti. (Loro ne hanno anche centinaia). Non compensa nemmeno lontanamente il ridurre il numero di contratti atipici.]

[Preoccupa anche la prospettiva che i sindacati barattino per l'ennesima volta cose sacrosante con altri diritti. (Es. la rappresentanza sindacale è importante ma non va barattata, non esistono solo i sindacati ma milioni di persone senza reddito)].

Ovviamente il reddito minimo non deve essere troppo elevato, deve farti vivere con rinunce. Altrimenti nessuno lavorerebbe. Esistono poi 2 tipi di redditi minimi garantiti in UE:
Quello che ti viene dato a prescindere se accetti o meno i lavori o quello che ti viene dato ma sei obbligato ad accettare un lavoro consono alle tue qualità. Nel primo caso è detto "reddito minimo welfare" nel secondo "reddito minimo workfare". In ambo i casi tu hai la certezza che un reddito ce l'hai: o da lavoro o puramente monetario.
Se tutti possono spendere e sanno di poterlo fare, anche quando si mette male, accettano lavori flessibili senza "sposarsi" il datore di lavoro, ci sono i consumi, l'economia gira, crescono le attività, cala la disoccupazione e c'è il BENESSERE (cioè sicurezza economica per tutti). L'impiego razionale delle risorse umane comporta anche bassa inflazione (es. 4%) e le crisi non entrano facilmente dalla porta di casa.

[Le banche che hanno i capitali non sono felici se i soldi anzichè accumularsi nelle loro riserve sono nelle tasche delle persone e girano. Per giunta quel 4%, se non girassero soldi (disoccupazione), finirebbe per essere 0% (o magari deflazione) e le banche avrebbero capitali che non perdono valore. E' la situazione attuale. Ecco perchè anzichè prestare alle aziende (spesso a rischio fallimento) con 2 telefonate investono in titoli di stato (parassitando i cittadini) guadagnando milioni di euro: Sono sicuri e rendono bene. (Oltre il 5%). Gente che si arricchisce senza lavorare, stranieri e italiani  sfruttatori che ci costano 60 mld l'anno. ]

La crisi, peraltro, partita da giochini finanziari delle stesse banche!Giochini che poco hanno a che vedere con l'economia reale, che è prodotto/qualità/prezzo/consumo.
Cercate su google chi parlava di "crisi dei debiti sovrani",bollatelo come un venduto bugiardo e boicottatelo politicamente.
Che poi in Italia la crisi sia passata da esser puramente finanziaria a economica quello è un fatto ma sempre dovuto a tecnicismi di questo tipo che ci hanno costretto da Maastricht in poi a sacrificarci per i colossi della finanza. Dobbiamo ripagare le banche e non solo....ma è lunga da raccontare e poi lo spiego quotidianamente.

VENIAMO AL PUNTO:
Dov'è che funzionano le cose?
Nelle grandi socialdemocrazie europee.
Perchè resistono alle crisi?
Perchè consumano tutti.
Cosa è la flexsecurity di queste socialdemocrazie?
E' la ricetta economica del nord europa che genera coesione sociale, ciò che manca da noi.
Quali sono i pilastri della flexsecurity (modello scandinavo)?
1)Reddito minimo garantito.
2)Flessibilità di licenziamento (e in Italia ce n'è fin troppa).
3)Politiche attive per il lavoro (investimenti e sblocco concorsi per posti produttivi)
4)Corsi gratutiti di riprofessionalizzazione.
5)Riconversione aziende (in realtà è ancora il punto 4).
A ciò si aggiunge che nei paesi socialdemocratici non si regalano 60 mld d'euro l'anno alle banche in speculazione (in eurolandia lasciamo che decidano i tassi % sui prestiti che ci fanno..altrove hanno tetto massimo dell'1%) e non svendono il patrimonio artistico, naturale, storico, culturale, industriale ecc alle stesse banche.
In USA invece tutto è in mano alle multinazionali, ci sono sussidi a tempo, i servizi pubblici sono penosi.
Ricordo che in Italia la spesa pubblica in beni e servizi è bassissima da 40 anni. La spesa totale è alta! A causa della speculazione (assenza di quel tetto dell'1% dovuta al trattato di Maastricht).
Renzi ha nel team il n1 della Deutsch la principale speculatrice.
Oltre a lavorare per lei senza saperlo adesso abbiamo un suo uomo candidato premier e proporre una ricetta, il job act, che è voluta dalle lobbies parassitarie finanziarie di mezzo mondo.
I MIEI COMPLIMENTI ALLA SINISTRA (PRESUNTA TALE).


Consiglio anche questo pezzo (risalente a Maggio ma ancora nel banana paese si fa di tutto per non concedere la pagnotta ) con dati, riferimenti e risorse certe. Vi è dimostrato, tra le varie cose, che il reddito minimo abbatte il lavoro in nero non lo favorisce! Ma i media sputtanano tutto l'opposto, direttamente o girandoci in torno.






Nessun commento:

Posta un commento