lunedì 22 luglio 2013

"Miracolo a Sant'Anna" un film su una strage nazista (560 vittime) che distorce la verità..la Germania "autoassolve" i carnefici.

Spike Lee racconta una devastante manifestazione del male assoluto a forza di falsi storici.

Mi si dirà che Spike Lee ha agito "romanzando", cioè aggiungendoci la fantasia e che a lui preme esaltare le qualità dei neri americani schifosamente bersaglio del razzismo, parallelamente agli ebrei, ma nonostante questo, la prossima volta, lo faccia senza inventarsi un partigiano traditore e/o un nazista leale e/o italiane di facili costumi e/o eroici marines della Buffalo. In particolare perchè mischiando verità e fantasia rischia di far passare per fatti assodati, al mondo intero, roba inesistente ed alla fin fine metter carnefici e vittime sullo stesso piano. Il mondo non è fatto solo di persone che studiano. La maggior parte passa il tempo vedendo tv e video.
Chi sta dalle mie parti in Versilia spesso mi ha raccontato che i soldati americani in questa vicenda arrivarono a giochi fatti e se ne stavano ai margini giocando
a carte nei bar mentre sulle Apuane imperversavano scontri e cannonate. Addirittura alcuni finirono per violentare ragazze della zona, ad esempio nella vicina Strettoia (Pietrasanta).
Certe ricostruzioni (quella di Spike Lee intendo) nascondono serpi nel seno poichè, purtroppo, vengono usate strumentalmente da forze opposte storicamente ai partigiani (partigiani di cui mio nonno faceva parte, anche se più a nord) per fini vigliaccamente politici.
Ricordo ancora quando mia nonna mi raccontava che una sua amica la sera prima partì per Sant'Anna. La sera dopo dal suo colle vedeva i fumi e i fuochi. 
La speranza è che qualcuno si prenda un serio impegno (magari il bistrattato cinema italiano) e tramite attori locali (almeno l'accento sarà il nostro) e senza strumentalizzazioni dei soliti banani e faccioni politici (ivi compreso il Presidente della Repubblica), faccia un film sempre su questa orrenda strage ma questa volta aderente alle verità storicamente accertate perfino da indagini e sentenze. http://www.anpi.it/media/uploads/patria/2008/9/15-16_LIPAROTO(SpikeLee).pdf .
Nessun tradimento partigiano, nessun eroe nazista.
Punto e basta.

Spike Lee, se vorrà, potrà metterci i soldi per distribuirlo.
La cittadinanza onoraria consegnatagli dal sindaco Silicani non se l'è meritata.

La Cassazione ha condannato l'8 novembre 2007 i nazisti:

Nel maggio di quest'anno la Germania della signora Merkel ha detto no al processo http://www.rai.it/dl/tg3/articoli/ContentItem-b155e0cc-6b06-468a-8654-374a71c6032f.html
in terra tedesca.
Non mi ricordo prese di posizione da parte di Napolitano. Se ci son state nessuno le ha percepite.
Ipocrisia. Ipocrisia della Germania, molto pentita per una sessantina abbondante di anni e poi nei fatti, non appena riattivata nell'arroganza dalla situazione europea attuale e non appena messa nella possibilità di farlo, ha mostrato il vero volto. 
A noi versiliesi non ce ne frega un cazzo delle statue, degli ambasciatori, delle belle parole.
Ci interessano i fatti.
Per la strage di Sant'Anna come per quella di Viareggio (per motivi di tutt'altro tipo).
Il razzismo è strisciante e tangibile verso gli ebrei, verso i neri, verso i PIIGS.
I primi vengono accusati dal complottismo paranoico di essere i manovratori di cospirazioni di banchieri quando invece a voler favorire le multinazionali finanziarie sono neonazisti che credono nell'eugenetica, nel darwinismo sociale (a spese dei diritti/salari/attività dei lavoratori) ed usano questo falso mito per i loro scopi. 
I secondi ... beh ... basta pensare al nominato vicepresidente del Senato Calderoli.
I terzi, i PIIGS, i maiali da schifare e schiavizzare (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna) sono quei paesi che, con la scusa del cappio chiamato "eurolandia", a causa della disinformazione e mistificazione sui debiti (leggasi http://spread-politica-economia-massoneria.blogspot.it/2013/07/corso-di-sopravvivenza-completo-per.html#.Ue1ditI9LGs ) e della corruzione dei politici, sono ormai invasi dal potere delle multinazionali della troika (BCE, Commissione europea, FMI) e dalla svendita ad esse ed a GermaniaCina e Russia.
Un nuovo nazismo perciò è alle porte.
Questa volta gli USA temo non ci salveranno.
Si, perchè Spike Lee ha fatto un pasticcio ma nella seconda guerra mondiale (Sant'Anna a parte) è grazie agli USA che ci siamo salvati.
(Marco)

10 commenti:

  1. Invito i commentatori a firmarsi quando fanno delle affermazioni e delle accuse opinabili e pesanti, in particolare su questo pezzo.Altrimenti mi vedrò costretto alla censura.

    RispondiElimina
  2. I partigiani si sono comportati da VIGLIACCHI, per non dire peggio:

    quando i nazisti sono arrivati a S. Anna e hanno fatto quella strage orribile, i partigiani erano nascosti nei boschi circostanti il paese.

    La cosa triste e vomitevole è che questi lor signori partigiani si sono ben guardati dall'andare a difendere le donne e i bambini che venivano massacrati.

    Aldo Rosanni


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ricostruzione priva di riscontri. Una opinione. Si può dire tutto ed il contrario di tutto tanto i morti sono morti e non possono testimoniare.

      Elimina
  3. claudiobianchini22 luglio 2013 19:57

    ps. La germania nazista è stata sconfitta grazie agli USA, ma ti scorda di dire che è stata sconfitta ANCHE grazie all'URSS, in ugual misura.
    La sola differenza è che le vittime USA sono state 413 000 mentre quelle sovietiche 23 milioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse non ha guardato bene la foto di copertina

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Penso che questo film abbia voluto rinfrancare il popolo nero, facendolo alleato, nelle proprie sofferenze passate, della gente di un paesino europeo sotto la guerra ( a questo punto preso a caso tra i tanti dell'epoca e quindi senza la dovuta sensibilità per la gente di Sant'Anna di Stazzema, di cui si parla pochissimo del film nonostante il titolo,tale da fuorviare chi l'aveva scelto per la storia) ,sottolineando ancora,non solo la furia nazista, ma anche la corruzione del popolo "bianco" e delle sue giurisdizioni con giudice accondiscendenti per mantenere la propria autorità, l'arrivismo della vita che condiziona l'uomo bianco (giornalista imperterrito nella sua attività..) e "l'ottusità" sempre del popolo bianco nel non capire le difficoltà e la storia di quel postino ex soldato che alla fine , ingiustificatamente, spara ad una persona. SPOILER: Non parliamo del finale, con l'ex bambino miliardario ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un punto di vista femminile direi "laterale"!
      (Però next time non confonderti usando il mio profilo!!!).

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Quando leggo certe OPINIONI aberranti contro i partigiani inorridisco.

    RispondiElimina