venerdì 12 aprile 2013

Mi candido premier! Ecco il programma..

Scommettiamo è il migliore in giro? 



Inizio col dire che fossi un grande elettore, per il post Napolitano non ELEGGEREI la Bonino in quanto non è uno stinco di santo come la vogliono far sembrare. (Leggasi le analisi di Travaglio, punto su punto).
Inoltre non serve una amnistia in Italy ed anzi i criminali ed i corrotti devono PA-GA-RE. Sanno che ogni tot. anni arriva il perdono istituzionale e non è un bel disincentivo.

E' il tipico contentino. Miglioramento certo ma è l'accontentarsi utile a impedire il reale cambiamento.

E' legata ad ambienti para massonici deviati come i Bildeberg, alle cui riunioni è puntualmente invitata ed entusiasticamente partecipante, sotto l'emblema del neoliberismo più sfrenato (alla Monti per intenderci). L'italiano, come al solito, si fa infinocchiare dalle apparenze. Certamente in una società corrotta, prima di tutto moralmente come la nostra, non è possibile avere mai un Presidente di rottura.
Uno che apra i cassetti.
Essere di equilibrio non significa un compromesso tra poteri limpidi e corruzione.
Se invece vogliamo qualcuno che metta più o meno d'accordo tutti è il nome giusto.
Lo è per Berlusconi in quanto, con lei,  evita la vera svolta e seppur donna che sposa il rispetto delle regole, sarà sicuramente quella che metterà certe pratiche talmente in fondo ai faldoni da non affrontarle mai.
Volutamente. Si sa che il Silvio pensa solo al salvacondotto (L'avete sentito La Russa?).
E' perfetta per il PD dei Franceschini, delle Bindi, dei Letta, dei Gentiloni, dei Fioroni. Anche dei Renzi   già pronto a buttarla sullo spread e novello venerante di Pannolitano. Un partito liberista che è impelagato con banche, con gli stessi Bildeberg (leggasi intervista alla De Gregorio) e mafie varie. Ormai il PD non riesce a proporre nemmanco un Rodotà, nemmeno se richiesto a gran voce da cittadini e 5 stelle. E' uomo legato storicamente ad una sinistra indipendente, distante da ideologie e poteri forti. La colpa dell'ex garante alla privacy è di non essere uno sfrutattore, un uomo di potere o un compromesso. Non è un poltronaio come loro.
Diverso è un PD che segua l'agenda degli 8 punti. In quel caso tornerebbe (un minimo) sui binari giusti.
Non a caso sono i giovani come Fassina, Civati e Madia a insistere su alcuni punti e non le vecchie ciabatte. (Aproposito notarsi la differenza di bellezza tra quella della Madia e i mascheroni di carnevale di Viareggio del PDL).

Adesso il programma ma prima una premessa:
Ricordate quando tutti seguivano Monti dicendo che c'era la crisi ed io sostenevo che la vera crisi, quella che percepivamo, era la disoccupazione e non quello che spacciavano i media?
Non sono il solito blogger che la butta su Nostradamus per aumentare l'audience, io sono grezzo nella mia concretezza. Da me non dovete aspettarvi mai il fioretto ma la spada. 
Adesso possiamo iniziare.

A) EUROPA E FINANZA.

1) In Europa si faccia rispettare il patto di una pronta Unione dei debiti e si creino Eurobond con una BCE pubblica che possa intervenire come ultima prestatrice (Vedasi in seguito).
Altrimenti lo stato Europa sarà svenato dalle multinazionali finanziarie che presteranno loro soldi ad interessi esponenziali . L'Europa attuale è una matrigna che ha tradito i 4 principi fondanti di: Solidarietà tra stati (!), sostenibilità sociale di ogni provvedimento (!), libertà e uguaglianza tra cittadini di diverse nazionalità. http://www.europarl.europa.eu/charter/pdf/text_it.pdf.  
La mancata promessa, post unione monetaria, di una rapidissima(!) unione economica e debitoria è stato solo l'inizio di questa vergogna. 

2) Il punto precedente comporta la "ritrattazione del debito" contando che, oltre ad esso, ci sono i vari parametri di crescita, occupazione, benessere ecc che i paesi del nord hanno visto aumentare a spese di altri. Ritrattazione da far fare a persone pulite come Settis, Zagrebelsky, Travaglio, Gino Strada, Rodotà, Brancaccio, Bagnai, Magaldi, Caselli.
Chiariamo una cosa. Prima dell'euro il famigerato debito pubblico era tutto in mano agli italiani.
Non esisteva tedesco o finlandese che potesse strozzarci come adesso. Hanno comprato il nostro debito dopo l'unione monetaria. Non ci servivano perciò quei prestiti. Sono stati spesi male dal PDL è vero, ma non ci servivano.Hanno causato solo deindustrializzazione a causa dell'aumento susseguente dei prezzi delle nostre merci. In contemporanea con la fine della moneta lira che era svalutabile competitivamente.
A proposito di svalutazione, con la lira, tedeschi, francesci ecc non si sognavano di acquistare nostri titoli essendo soggetti a svalutazione e cioè a perdita di capitale.
Il punto però è che promisero una velocissima unione delle economie e dei debiti sotto un unico debitore europeo. Questa promessa è stata disattesa. Hanno anzi infiltrato gente come Monti a farci pagare dazio. Hanno confuso le idee alle persone senza spiegare loro che, nonostante i tanti dipendenti pubblici poco seri (presenti non solo a sud delle Alpi), prima dell'euro il problema era semmai il debito/pil (e non il debito in sè) e che tale % era peggiorata non per un aumento di spesa pubblica (in linea con gli altri), ma a causa del divorzio tra tesoro e Bankitalia. Cioè per gli interessi sul debito! Significa che, a causa di Ciampi e Andreatta, Bankitalia non potè partecipare più alle aste dei titoli di stato (sono i soldi prestati alla gente = appunto il debito) e se essi rimanevano invenduti, non poteva più acquistarli (si dice non poteva essere più "prestatrice di ultima istanza"). Per esser appetibili sul mercato, i titoli, alzarono i loro interessi. Dal 2% si passò al 18%. La spesa sugli interessi è l'opposto di una spesa produttiva!  In soli 10 anni si passò dal 60% al 120%. Ribadisco però che era roba nostra..NON STRANIERA. Nessuno poteva bussarci alla porta chiedendo money.

3) Se una banca è vicina al fallimento non gli si regalino soldi (col giochino dei tassi dati loro da Bruxelles allo 0.75 e poi riprestati al 6% allo stato!  Bruxelles acquisti direttamente con quegli stessi soldi la banca. Acquisizione da parte della BCE delle banche in fallimento.

4) Collegata al punto precedente si separino le banche di investimento da quelle di deposito. Separazione scandalo attuata da Clinton in USA e da D'Alema in Italia.

5) Si avviino procedure legali contro l'Europa per i danni causati alle famiglie che hanno dovuto chiudere le attività per carenza di liquidità a causa del fiscal compact.

6) Tobin tax sulle transazioni finanziarie (si parla dei capitali di migliaia di milioni di euro l'uno che vengono liberamente spostati qua e là senza costi).

7) Stop agli aiuti di stato alle aziende come la FIAT. Lo prevede l'Unione Europea in nome del libero mercato. (Nel senso virtuoso).

B) BENESSERE, LAVORO/IMPRESA.

8) Separare soldi destinati allo SVILUPPO da quelli della spesa corrente. I primi non devono essere computati nel discorso del fiscal compact. (Golpe alla Costituzione fatto da un parlamento di non eletti, con una maggioranza ribaltonista e tramite un governo non voluto dai cittadini).
Lo dicevo da Maggio 2012 (vedasi nel sito) e finalmente se ne parla adesso ma con l'acqua alla gola. Il famoso allentamento del patto di stabilità.

9) Destinare i soldi per lo sviluppo a settori PRODUTTIVI (Valore aggiunto MONETARIO O ETICO), tramite creazione di posti pubblici in università, ricerca, parchi naturali, collegamenti potenziati tra natura e cultura, navette in zone turistiche, riqualificazione del preesistente, istruzione, e detassazione alle micro imprese e a chi assume. G-Local non schiacciato ma integrante il global.

10) Creazione di un reddito minimo garantito per ogni disoccupato, anche in cerca di prima occupazione sul modello spagnolo o tedesco. 300 euro mensili soglia minima per chi non cerca lavoro.400 per chi lo cerca attivamente (concorsi, corsi ecc) con aggiunte varie nel caso di figli a carico, di spese per chi è in affitto ecc. In caso di lavoro in nero si multi per una somma pari a una annualità del reddito percepito il soggetto e si tolga per 5 anni. In caso di recidiva carcere.

11) Restituzione immediata alle imprese dei crediti che avanzano dallo Stato. Quelli avanzati dalle banche invece vengano congelati in attesa di capire come questi soggetti possano avanzare soldi ma poi chiedano di essere salvate.

12) Riduzione drastica delle spese per armamenti e rivalutazione dell'ammontare di quelle per le missioni e per la dotazione interna.

13) Adeguamento della dotazione alle forze dell'ordine.

14) Cittadinanza dopo 10 anni dimostrando di non aver commesso reati, imparato lingua e cultura italiana.

15) Prima gli italiani. Stop perciò alla corsia preferenziale agli extracomunitari. (Esempio le case ai ROM). Prima vengano date ai cittadini italiani vecchi e nuovi.

16) Contravvenzioni con una dose di proporzionalità sul reddito in quanto la multa non deve essere uguale, ma essere identica nel "dolore" che provoca, essendo finalizzata a far imparare la lezione.

17) Lotta a evasione in particolare contro quella SENSIBILE. Gli introiti vanno indirizzati verso chi imprende ed è in regola ai controlli. Dispiegamento di mezzi e uomini anche provenienti da altre regioni per impedire taciti accordi (la finanza cosa ci sta a fare sennò?). Stop a Equitalia che è comunque privata e collusa.

18) IVA congelata all'attuale valore. 

19) Accise su benzina da abbattere e portare il prelievo sul reddito. Monitoraggio del prezzo del greggio e adattarlo al prezzo alla vendita. Se cala deve calare anche al "dettaglio".

20) Patrimoniale VERA e non falsa che tenga conto del reale stato di "salute" economica delle famiglie con studi approfonditi. A pagare deve essere chi negli ultimi 10 anni si è arricchito esponenzialmente (tenore di vita). Agire in particolare su quel 10% di famiglie che detiene il 40-50% della ricchezza .

21) Flessibilizzazione vera del lavoro in entrata e uscita.

22) Stop alle casse integrazioni che rientrino subito nel reddito minimo garantito.

23) Via l'Imu. Si torni all'ICI sulle seconde case e sulle prime case solo se di lusso. (Una imposta che resterà sul territorio).

24)  Investire su risorse rinnovabili ancora di più e verso un sistema misto.

25) Subito un conto energia POTENZIATO.

26) Potenziamento servizi pubblici ad esempio in località turistiche il fine settimana.

C) TRASPARENZA, SEMPLIFICAZIONE, ETICA.

27) Abolizione delle province.

28) Fusione dei piccoli comuni.

29) Abolizione finanziamenti ai giornali.

30) Abolizione finanziamenti ai partiti.

31) Legge sui conflitti di interesse, in particolare sui finanziatori privati ai partiti.

32) Dimezzamento dei Parlamentari.

33) Creazione di 3 macroregioni al posto delle attuali.

34) Divieto di acquistare azioni di banche da parte dei partiti e fondazioni varie.

35) Non eleggibilità dei condannati per reati di corruzione o similari o più gravi.

36) Creazione di nuove carceri e ristrutturazione delle preesistenti.

37) Liberalizzazione delle droghe leggere.

38) Test della cocaina (del capello) ai parlamentari.

39) Modificazione del parametro alcol per da 0.5 a 0.8 come in precedenza abbinandolo però a test anti droga.

40) Limite massimo per i mandati parlamentari a 2 volte.

41) Divieto di doppi incarichi (sindaco e parlamentare ecc).

42) Tetto stipendi manager pubblici a 8000 euro al mese e proporzionato ai risultati.

43) Tetto alle pensioni minimo e massimo. Immagino di 600 e di 3500.

44) Asta frequenze tv digitali eccezion fatta per tre reti mediaset e tre reti rai.

45) Asta intelligente delle auto blu. Politici accettino di fare gratis i testimonial alla vendita di esse. Chiunque potrà vantarsi di aver acquistato l'auto di Bersani, Berlusconi Montalcini. Le auto rimaste dovranno essere pari al numero di quelle inglesi. Riduzione a livelli equi di vitalizi e diarie ai parlamentari.Il riccone potrà fregiarsi di aver acquistato l'auto di Pannolitano o di D'Alema!
Di Silvio o del premier Monti mano lesta!
Questo è un modo intelligente di metterle all'asta.

46) Stop alle annuali acquisizioni di auto blu. Una volta raggiunto il livello inglese eventuali acquisti siano verso auto italiane ma a prezzi convenienti.

47) Diritti civili ma no ai matrimoni tra omosessuali se comportanti adozioni. (Buono il modello tedesco).

D) COSTITUZIONE.

48) Legge elettorale maggioritaria a doppio turno di collegio. Ogni politico si può candidare al massimo in un collegio. Dei circa 300 parlamentari eletti nell'unica camera se ne aggiungeranno 5 (uno a testa) per le prime 5 forze parlamentari escluse più votate a livello nazionale. (Diritto di rappresentanza).

49) Semipresidenzialismo alla francese col doppio turno.

50) Divieto di salvataggio delle banche da parte dello Stato membro in Costituzione.

51) Studio per la possibilità di una legalizzazione della prostituzione mettendo in Costituzione che "lo Stato la riconosce sul piano dei contributi (tasse) ma non la equipara sul piano etico a un lavoro normale".(In sostanza al collocamento non ci diranno " ti abbassiamo il sussidio perchè non accetti di fare la prostituta". Non sarà riconosciuta negli uffici di collocamento e nelle statistiche occupazionali.

(Marco Giannini - Camaiore - Lucca)



Nessun commento:

Posta un commento