giovedì 21 marzo 2013

Il PD dell' austerity pre-elezioni "si finge" scomparso ma i disoccupati disperati ESISTONO PIU' DI PRIMA.



Quelli a cui opponevano l'odioso muro di gomma dell' "arrangiati vinciamo lo stesso".

Tanta rabbia.

Basta vedere chi ha votato PD/SEL e chi 5 Stelle dalle recenti statistiche.

Il primo gruppo sono gli impiegati pubblici o comunque i fissi e l'apparato politico (abnorme) con annessi e CONNESSI.
Quello per cui se hai tutto hai anche di più..magari il lavoro dei sogni,  la poltrona di consigliere, tante utili conoscenze e tanti sorrisi ecc ecc.

TALE TIPOLOGIA DI CITTADINI è ESEMPLARE DI UNO PSEUDO CENTRO SINISTRA "BASTARDO".
Non nel senso di "figlio di" ma nel senso di odioso, egoista ed infimo.

Il secondo annovera disoccupati, operai ed oneste piccole imprese.

Una volta c'era uno spot che diceva "si fa presto a dire zuppa!".
Ecco qua girano proprio i coglioni.
SE SI TRASCURANO E SI FANNO SCHIATTARE I MIGLIORI GIOVANI QUESTI TI FANNO A PEZZI.
SOPRATTUTTO SE CAPISCONO DI ECONOMIA E POLITICA IN MODO COSI' INCISIVO, FORTE E COMPLETO TALE DA POTER TENER TESTA DA SOLI ANCHE A PIU' ESPONENTI RODATI.
E' troppo comodo parlare di "ehhhh c'è la crisi non si può" a un ignorante. Chiamare in causa Berlusconi come fulcro di ogni male, come spettro e magari dire per mesi "che lo spread" ecc ecc ecc senza spiegare come si truffa questo dato! (Vero Merkel ?).

Tutti discorsi.
Si discorsi! Aria fritta.

Alla fine la verità esce.
Nonostante i tentativi di chiuderli esistono i social.

La socialdemocrazia (termine tradito, nascosto ed abbandonato dal Partito Democratico) ha dimostrato che uno stato, se vuole, può fare tutto, in particolare fare politiche virtuose verso se stesso e contro recessive.
REDISTRIBUTIVE.
Redistribuzione equa non significa esser tutti uguali come ci hanno spacciato ma semmai dare ad ognuno il suo. Un comune punto di partenza paritario e diritti di base imprescindibili.
In particolare infilare il merito dove ME-RI-TA.
Basta con laureati buttati nei call center e nel precariato PER NON CONTRARIARE BANCHIERI,  MERKEL E TROIKA e persone con modesta qualità ma grandi maniglie esclusivamente ed amorevolmente impiegate nello stato.
Come mai non si pensa alla creazione di nuovi parchi e percorsi "dalla natura alla cultura?" ben sapendo che tra centri storici e bellezze incredibili, questi investimenti porterebbero maggiori danari di quelli investiti? Si finge non esistano le risorse umane?
Il diritto alla dignità presente in tutta Europa (tranne Grecia e Italia) è stato da sempre obliterato all'opinione pubblica....E COMUNQUE OGNI GIOVANE VUOLE IL LAVORO!
Le crisi si possono affrontare in due modi:
ApprofittaRNE per conferire nuovi diritti e superarle di slancio oppure approfittaNDOSI dei più deboli togliendo loro ogni diritto o quasi, mettendoli in competizione con gli immigrati (che accettano tutto) e favorendo, quando tutti saranno alla fame, la venuta di multinazionali che assumeranno al costo di una banana.      
I partiti social-democratici, al contrario dei liberisti democratici hanno una visione opposta. Attraverso una redistribuzione equa potenziano le facoltà di consumo delle famiglie, flessibilizzano e detassano in modo giusto il lavoro, modernizzano il paese e, attraverso la coesione ed il diritto al lavoro (sacrosanto), attraggono i capitali e le aziende che credono non negli investimenti speculativi contro natura e contro libertà ma in quelli virtuosi. Quelli in cui lo stato è emblema di legalità, diritto, spirito di nazione e  vera concorrenza. In tal modo fanno crollare perfino le morti sul lavoro. Le morti bianche.
Il Partito Democratico non ha più il prefisso "social" perchè si fuse con gli ex dc della Margherita di Rutelli e Lusi detti "liberal" (nel senso UNICO, purtroppo, di NEOLIBERISMO). Già al suo interno aveva i vari Letta, Gentiloni, Fioroni, Fassino COI LORO SCHELETRUCCI. Adesso sono ormai, però, il 99% e la linea socio economica, ormai, è quella peggiore.
La sommatoria dei termini social e liberal, non solo ha sciolto il termine social nel secondo, ma ha partorito una massa di politici che seguono i dettami dei banchieri, li adorano non appena ne vedono uno, dei confindustriali, dei De Benedetti vari e si sono arricchiti proprio in cambio del nulla totale verso i propri elettori, fottendoli nei loro diritti. NEL LORO FUTURO.
IO NE SONO LA PROVA INCONFUTABILE MA SIAMO MILIONI.
Milioni di ragazzi come me magari con due specializzazioni con lode come me trattati come MORTI DI FAME.
Beh no caro pseudo centro sinistra, sedicente tale, così non si fa.
Tu non dovevi essere il pilastro della conoscenza? Della cultura e della ricerca?
Beh, i centri di ricerca che ho conosciuto io, e sono molti, sono luoghi di raccomandati tutelati e di pirla sfruttati che lavorano gratis in attesa di ..... NIENTE.
Ancora cerchi intrecci con Mario Monti e quindi sei lo stesso di sempre.
Come potrebbe essere diversamente del resto? E' passato un mese mica 15 anni. (Gli ultimi 20 magari spesi male).
Proprio Lista Civica che parla di riforme ed Europa senza dire che col primo termine intende lo sfruttamento e col secondo finanza e Germania. Il top quindi dell'antieuropeismo!!!
Con lo sfruttamento e portando benessere altrove non si fanno i progressi, non si chiamano RIFORME, non si esce dal baratro .
Quelli che si dichiarano progressisti ingannano cercando questi personaggi e queste forze.
LE COSE SI DIMOSTRANO.

Aria fritta si diceva...
Perchè chi ha studiato a fondo i nobel in economia confrontato fonti e grafici/dati sa che è tutto FALSO.
Soldi regalati alle banche COLPEVOLI e ai loro dirigenti, magari targati Goldman, puntualmente premiati con mega stipendi o cariche istituzionali (Monti ma anche altri). Una BCE CHE FINGE CHE ESSERE PRESTATRICI DI ULTIMA ISTANZA SIA QUALCOSA DI SOVIETICO (INFATTI è COSI' IN USA, GIAPPONE E OVUNQUE) per non parlare dei conflitti di interessi e degli acquisti a costi esorbitanti di banche tipo Antonveneta stracolme di debiti....
I casi MPS e Finmeccanica (ma non serve andare così in alto) dimostrano che, se si vuole, i soldi per alcuni ci sono. Mai però per il popolo che non è figlio di medico, avvocato, politico o industriale o amante, parente, amico.
Quelli cari miei li fanno emigrare!
Alcuni però sanno che anzichè emigrare spenderanno ogni stilla di energia e/o di vita per aprire gli occhi su questa lurida situazione.
Se un comune cittadino, disperato ed abbandonato, manifestava il diritto all'occupazione sancito dalla  COSTITUZIONE, il PD (ormai più montiano di Monti) replicava col muro delle chiacchiere vuote, con i discorsi menefreghisti e qualunquisti, quelli ripetuti a menadito dalle tv.
Ricordate la storiella che dalle crisi si esce tagliando e tassando?

Nessuno, dall'interno, che si ribellasse dicendo l'evidente e cioè che nelle crisi si INVESTE! (Mentre quando si cresce si stringe leggermente la borsa e si riduce il debito estero).
Nessuno che ammettesse che la crisi era FINANZIARIA (cioè banche che avevano sperperato con guadagni di pochissimi soliti noti, sulle spalle della comunità tutta) E NON DEI DEBITI (eravamo costantemente in surplus).
Come fidarsi di chi ha dimostrato che se ha la possibilità di essere autonomo nel governare tradisce le proprie radici, il proprio elettorato magari ingannandolo nella propria ignoranza, TRONCANDO le speranze di disoccupati, operai e piccoli imprenditori?
Molti però usano la testa ed è stata sconfitta l'arroganza dei capo bastone e dei "vi sbraniamo".

I punti su cui il M5S dovrebbe convergere sono questi:

  • Legge elettorale a doppio turno.
  • Sblocco soldi che le imprese avanzano dallo stato.
  • Reddito da cittadinanza.
  • Conto energia.
  • Abolizione rimborsi.

Fatto questo si torni a votare e il futuro governo si concentri su politiche keynesiane socialdemocratiche:

  • Abolizione province.
  • Dimezzamento parlamentari.
  • Cessione alle associazioni di volontariato delle auto blu o dei proventi delle vendite. 
  • Piena occupazione.
  • Stop ai regaloni a banche.
  • Stop alle industrie belliche in particolare straniere.
  •  RICONTRATTAZIONE TOTALE DEI TRATTATI E DEI DEBITI IN BASE AI PRINCIPI DI LIBERTA',SOLIDARIETA' E REDISTRIBUZIONE DELLA UNIONE EUROPEA.
  • BCE prestatrice di ultima istanza.
  • Unione di economie e debiti.
  • Creazione di nuovi parchi naturali.
  • Ristrutturazione dell'esistente e stop a opere inutili tipo Tav e ponte sullo Stretto.

PS:
Resta l'amarezza che il mio amico qua accanto, accanito avversario dei 5 stelle (ma non ha meglio da fare tipo criticare i "golpettisti" tipo Silvio che manda le labbrone a Palazzo di Giustizia?) mi fa:
<< Certo te hai tutte le ragioni ma quelli, i 5 Stelle, non sarebbero mica capaci di scrivere post come i tuoi? >> .
Sapete una cosa?
LO PENSO.
Tra complotti pluto-giudaico-massonici, "microchippe", decrescite che dolci non sono nè saranno mai, bce queste sconosciute e personaggi vari in parlamento c'è proprio di tutto.

(Marco).

Nessun commento:

Posta un commento