mercoledì 12 dicembre 2012

Enrico Berlinguer Sassari, 25 maggio 1922 – Padova, 11 giugno 1984

SVEGLIA IL PD HA TRADITO I VALORI DI UN MODERNO CENTRO SINISTRA.

ECCO IL MIO PEZZO DEL 25 MAGGIO:

28 anni fa moriva Enrico Berlinguer. Ricordo che mio nonno lo adorava e in famiglia eravamo tutti profondamente scossi. Ricordo un flash di me a 9 anni in cucina di mia nonna davanti alla tv dove si vedevano tutte le teste riprese dall'alto al funerale. Da lì in poi solo il nulla alla guida del pci, pds, ds (Il PD non è degno di esser citato). Al massimo Occhetto
portava con sè i crismi di una difesa di istanze sociali.
Adesso si leggono editoriali su l' Unità (giornale che mi fece amare mio nonno ma ormai completamente composto da penne schiave del capitalismo) che vorrebbero far passare Enrico come uno da cui sarebbe partita l'austerity.Uno delle banche, del turbocapitalismo, del liberismo selvaggio, dei raccomandati di Monti, della Fornero, dei Passera, dei Berlusconi della cinesizzazione, dell'evasione fiscale, degli sprechi, dei politici, delle auto blu, dei vitalizi.
Ridicolo.
Il vero, sano, giusto revisionismo indicherebbe una strada diversa.
Salari da riportare a giusti valori.
Green economy e turismo in stretto contatto.
Sviluppo.
Etica.
Sostegno da disoccupazione a 1000 euro (come nei paesi dove l'euro non c'è!!!).
Piena occupazione, welfare state forte.
Dimensione antropologica del lavoratore e dell'uomo SOSTENIBILE.
Diritti civili.
Ovviamente l'unica cosa che posso fare è mettere questa splendida canzone di Venditti che...parla di te!
http://www.youtube.com/watch?v=AigNESiKsUw

ps: Nonno lo dedico anche a te sto pezzo e al mio futuro.

Nessun commento:

Posta un commento