venerdì 11 maggio 2012

Politica keynesiana per risollevare il paese ... basta chiacchiere!

Keynes o la fame.

SERVE CHE LO STATO POSSA SPENDER PIU' DI CIO' CHE INCASSA E CHE QUESTA SOMMA VADA A INVESTIRSI SU LAVORO CHE DA VALORE AGGIUNTO COME PARCHI, ISTRUZIONE, RICERCA E MICROIMPRESA OLTRE CHE SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE COL REDDITO DA CITTADINANZA E POTENZIAMENTO DEL WELFARE STATE.PENSIONATI E DIRITTI AI LAVORATORI NON SONO SPRECHI.
Nel medio e breve termine questi investimenti tornerebbero a ripagare la sovraspesa iniziale.
Negli anni 70 - 80 - 90 la dc, il psi , il psdi il pli e il pri misero questi soldi (a scopo elettorale) in settori che erano solo assistenzialismo, nepotismo e clientelismo. (Vedasi il tipico caso dei 50 impiegati per 3 uffici comunali)....

Nessun commento:

Posta un commento